domenica 29 ottobre 2017

Palermo secondo me

Palermo è una città rumorosa. Un posto che si fa sentire. Con il traffico, le auto incolonnate, gli autisti di pullman con una pazienza infinita ad aspettare che gli incroci si rendano liberi. Una città multietnica pakistani, indiani, africani a riempire negozi di alimentari e in giro per il mercato di Ballarò. Palermo sono i bidoni dell'immondizia che si riempiono di giorno e magicamente si svuotano ogni notte, a Palermo si mangiano arancine e pane e panelle e tutte le strade sanno di pane abbrustolito.
A Palermo le persone sono come le vedi, sono sostanza e nella maggior parte dei casi zero convenevoli. E tutti ti vogliono aiutare con le loro indicazioni disordinate, poco sintetiche e trafficate anch'esse.
Palermo è una città che ha visto molti cambiamenti. Una città che ha visto moltissimi passaggi. Una città che è stata ricostruita un sacco di volte in cui tutto sembra provvisorio, nulla è come era in origine. Una città bellissima, dove la bellezza si nasconde dietro la decadenza. Dove puoi trovare palazzi nuovi e ordinati accanto ad altri che conservano un'ombra di bellezza, un battito di ciglia, un filo di trucco. Palermo è una cadenza che ti acchiappa, ti strattona un pò e non ti lascia mai. È il cameriere che ti racconta il menu come se fosse un segreto inconfessabile, è la cassiera che ti chiede impettita se hai la tessera "mizzica" come se fosse la cosa più seria e scontata del mondo. Sono i dolci dalle porzioni stratosferiche. È farsi il bagno nel mare di Mondello a fine ottobre. Palermo sono le mille facce dai mille colori che ne popolano le strade. Palermo è l'orgoglio di essere siciliani. Sono le scritte in dialetto per dire "spingere la porta" (in siciliano "ammuttari"). Sono i cartelli sui negozi che ti dicono di chiedere di "Alfio". Sono i ragazzini che vanno al bar chiedono un bicchiere d'acqua al barista senza nemmeno chiedere e senza ringraziare. Palermo è la città dove non chiedi permesso ma dove sei sempre onesto. Ma più di ogni altra cosa Palermo è molto di più di quello che da a vedere. Un posto che potrebbe essere grandioso ma che, almeno per ora, preferisce semplicemente essere grande.

venerdì 20 ottobre 2017

Angeli

Ci sono persone che ti cambiano per sempre. Passano attraverso la tua vita, ti tendono una mano e quando la afferri e lasci che ti asciughino le lacrime ti guardi allo specchio e non sei più la stessa. E la vita può fare giri immensi ma il cuore rimane sempre li, tra quelle ali di angelo che ti sono state vicino. E chi ti aiuta quando la vita si fa dura ed il cuore ti è andato in pezzi non te lo scordi più. E un pezzo del tuo cuore sarà sempre in mano a quell'angelo. Perché asciugandoti le lacrime un pezzo di quell'amore è passato attraverso di te cambiandoti per sempre e cambiando il tuo angelo per sempre.

lunedì 2 ottobre 2017

Edizioni limitate: Profumeria San Federico

Esiste un piccolo scrigno profumato proprio sotto i portici di via Roma ad un passo dal cinema Lux, nella galleria San Federico. Sembra di entrare in una farmacia antica con tutti i medicinali disposti perfettamente in fila sugli scaffali. Ma invece sono oggetti preziosissimi. Il personale è molto preparato e trasmette la sua passione per i profumi anche ai neofiti.
Mi spiegano che per arrivare a realizzare una fragranza ci sono tantissimi aspetti da considerare, non semplicemente l'abbinamento delle essenze ma ci sono nasi che studiano anni come comporre le profumazioni. Il maestro profumiere oltre che artista è un chimico: sa come arrivare ad un risultato partendo dalla combinazione di elementi. Qui si vendono brand di nicchia.
Mentre sono nel negozio suona una cliente. La signora molto elegante si reca tutti i giorni al negozio per una spruzzata di un profumo di cui all'anno se ne producono pochi pezzi e distribuiti solo in determinati capoluoghi italiani. Il profumo è in produzione al momento ed è studiato nel minimo dettaglio: dalla scelta degli ingredienti (dei fiori di vaniglia che arrivano da Haiti) alla realizzazione. Il produttore è un uomo francese ricchissimo che realizza profumi per diletto. Il profumo qui è quasi un marchio di fabbrica, come dire al mondo che chi lo indossa è in edizione limitata (come la fragranza stessa). Dopo la sua spruzzatina settimanale in attesa che le arrivi il suo profumo la signora gira i tacchi e se ne va via con la sua Chanel. In questa profumeria potete trovare anche balsami per labbra, shampoo in confezioni di alluminio, profumi solidi in confezioni simili a mini trousse, dentifrici profumatissimi. Insomma è il posto giusto per sentirsi unici e irripetibili: costi non accessibili a tutti ma la qualità paga. Da provare!