Post più popolari

venerdì 8 dicembre 2017

Come sarò da grande

Quando sarò grande voglio essere come Mara Maionchi. Una che dice sempre quel che pensa, anche se questo significa spesso essere la voce fuori dal coro, l'elemento dissonante, incapace di adeguarsi.
Mara, classe '41 del segno del Toro: pragmatica, schietta, che cammina sempre a testa alta. Una che fa la discografica e che a sessant'anni suonati indossa la giacca di pelle nera con le borchie. Una che è sempre fedele a se stessa e che dopo i palcoscenici poi ha una vita assolutamente normale. Una che ha saputo conciliare sogni e realtà. Un infanzia normale come quella di molte persone. Una che ha fatto molta strada prima di trovare la sua ma poi quando l'ha imboccata, finalmente, non ha sbagliato un colpo. Una che fa la nonna ma indossa gli orecchini a forma di viti. Un connubio eccezionale di talento e normalità perché si può essere assolutamente unici e geniali conducendo una vita normalissima.

Wine Nest

Il posto di cui vi parlo si chiama Wine nest, che significa il nido del vino. Sarà perché è un wine bar piccolino e un pò nascosto dal traffico di Torino, in una zona lontana dal centro, sarà per il clima caldo e familiare che si respira, sarà perché il titolare ti fa un pò pensare a Mario di "Certe notti" di Ligabue: uno a cui potresti raccontare tutto. Le pareti sono color vinaccia ad anticipare che qui potete trovare dei vini per tutti i gusti. Il proprietario sa consigliarti cosa bere se sei indeciso ma anche lasciarti scegliere senza alcuna fretta. È un posto radical chic, al centro del locale una moto che inneggia ai Diari della motocicletta. Come fare un viaggio, seduti comodamente al tavolo della vineria sorseggiando un Grignolino o magari un Lambrusco.
In settimana ci sono moltissime serate con apericena : la cucina è ottima e la cuoca fa una crostata eccezionale.
Spesso oltre al vino in tarda serata potrete gustare un buon tè marocchino, nei bicchieri di vetro tutti colorati e arabeggianti.
Un posto che consiglio a chi ama il vino, a chi ama mangiare e mangiare bene, a chi apprezza i posticini intimi e familiari dove sentirsi come quando si cena in compagnia di vecchi amici.

Dove trovare tutto questo? 

In via Polonghera 57.

giovedì 7 dicembre 2017

Via stampatori

Passando per via Garibaldi e svoltando in via stampatori mi sono imbattuta in una corte di come quelle che nascevano nel rinascimento. Li, all'interno di una palazzina del 17°secolo, nell'angolo destro dietro una vetrata di forma semicircolare ho scoperto questo piccolo bijoux. Un negozio di profumi che sembra volutamente nascosto, come un segreto tra amanti,  come un' inconfessabile verità, come una gemma in fondo al mare. Il negozio è oltretutto piccino picciò il che contribuisce a renderlo affascinante in maniera affatto originale. E dietro questa vetrata in ferro battuto un mondo di profumi. Profumi leggeri che sanno di ambra, di viole, di castagne e di fico. Oppure profumi personali venduti dentro scrigni di stoffa dalle fantasie orientaleggianti. Tutto con ingredienti naturali e realizzati in Italia. Troverete anche candele profumate ed essenze. I prezzi? Non così cari come la location farebbe supporre. Il posto vale la pena anche solo per curiosare un pò, per rimanere incantati da questo scrigno di trasparenze profumate, per farsi accattivare dalle fragranze esclusive che potrete trovare.
Il posto si chiama via Stampatori e indovinate dove si trova? Alla stessa via al civico 4.

martedì 5 dicembre 2017

Nora books and coffee

Un altro posto vivamente consigliato. Per leggere, per fare quattro chiacchiere con la barista, per comprare libri, vini e miele pregiatissimo. Sentirsi a casa accomodandosi sul divanetto, in un posto senza discriminazioni di nessun tipo. Caffè alla cicoria, infusi e cibi bio ma anche alcolici e snack salati. Venite qui a rilassarvi un pò davanti ad una cioccolata calda,a farvi coccolare dall'aria natalizia e dalle lucine in vetrina, a farvi conquistare dal clima amichevole che si respira . Un posto per intellettuali, per chi si approccia guardingo ai libri e per chi non sa cosa aspettarsi e ha voglia di essere sorpreso. WiFi gratis e prezzi ottimi. E se vi avvicinate al bancone in un barattolo troverete una sorpresa. Quale? Scopritelo andandoci.

In via delle Orfane 24/d.

domenica 3 dicembre 2017

Farsi passare la Luna's torta

Eccolo qui un altro posto di Torino che consiglio. Il posto dove bere una tisana o una cioccolata calda, accompagnati da brioches o una fetta di torta. Non a caso il posto si chiama Luna's torta (via Belfiore 50). Anche se è un nome ereditato dall'attuale proprietaria in realtà le torte la fanno da protagonista. Grano saraceno, noci, marmellata, dolci alla banana.
Il locale è pieno zeppo di libri: odora di cultura e corteccia di alberi. Divanetti comodi comodi, tavolini bassi e tavoli quadrati e trasparenti : per chi ha voglia di rilassarsi, per chi ha voglia di assaggiare qualcosa di buono mentre sfoglia un quotidiano, per chi ha voglia di raccontarsi con gli amici. Questa torteria speciale ospita eventi culturali come letture di libri e di poesie, piccoli concerti e spettacoli di cabaret. E ti senti coccolato tra i cuscini colorati e le poltroncine morbide che ti avvolgono.
Il personale è molto cortese e simpatico pronto a toglierti il broncio con un brunch che si fa ricordare: assaggi salati o assaggi dolci più una spremuta a sei euro.
Il posto perfetto per un inverno freddo come quello di Torino: per farsi passare i momenti di luna storta, come dice il nome, ma non solo quelli!