Post più popolari

sabato 20 agosto 2016

Un fiore che è cresciuto sull'asfalto e sul cemento

da Pinterest, Luigi Sgrò







Io all'amore voglio crederci. Voglio credere che ci sia. Così come credo alle persone, così come ho imparato a dare loro fiducia. Ci sono tante forme di amore. Ognuna dice qualcosa di noi o di chi ama.
L'amore di un professore per il suo lavoro, trasmesso attraverso la passione che mette in quello che fa. L'amore per il prossimo, che ci fa ascoltare i problemi degli altri e desiderare di aiutarli davvero a trovare una soluzione.
L'amore è dare, senza aspettarsi nulla in cambio.

L'amore è un salto nel vuoto a cui solo pochi coraggiosi sanno abbandonarsi completamente. E' un fiore che cresce sull'asfalto e sul cemento. E' tutto ciò che ci circonda. E' la carezza di una madre sulla guancia del figlio, la panettiera di turno che ti chiede cosa vuoi tesoro? Senza nemmeno conoscerti. E' il sorriso di una barista mentre ti prepara il primo caffè del lunedì, prima di entrare in ufficio. L'amore ci circonda. E' ciò che siamo, è tutto.

L'amore è voler combattere per quello in cui si crede, portare avanti le proprie idee e difenderle contro tutto e tutti. L'amore è l'abbraccio di un'amica che ti rivede dopo le vacanze, l'amore è uno sguardo di velluto che si posa sul tuo e lo riempie completamente. L'amore è una risata condivisa, una pacca sulla spalla, un come stai durante una giornata difficile.
L'amore è il viaggio di un cuore che riesce ad attraversare distanze spazio temporali. L'amore è quell'energia che ci circonda e ci avvolge, al pensiero di una persona che non c'è o che non c'è più.
L'amore è sapersi avvicinare alle cose in punta di piedi, con moderazione, leggeri leggeri per comprendere e capire le situazioni e le persone, senza giudicare.
Lasciare liberi, lasciare andare rischiando che l'altro possa allontanarsi. L'amore è la mano di un bambino tesa, fiduciosa che vuole essere condotto nel mondo. L'amore è mettere noi stessi in quello che facciamo. Dare un pezzo di noi all'altro, a volte rischiando di perderci un po' o di perderci e basta.
Ecco a tutte queste forme di amore io voglio credere.
Non credo invece alla persona giusta. All'idea di trovare qualcuno assolutamente giusto per noi. Non esistono cose giuste o sbagliate in assoluto. Né tanto meno persone giuste. Non siamo giusti nemmeno per noi stessi. Sbagliamo, siamo incoerenti, cadiamo e proviamo a rialzarci. È questa la vita, è questo amare. L'impegno a rialzarsi, la volontà di stare insieme, la volontà di esserci per qualcuno e di esserci solo e solamente e fino a quando lo si vuole davvero. Credo in un amore relativamente infinito o infinito, ma a tempo determinato. L'amore quello vero resiste, cresce delicato come i petali di un fiore. Resiste perchè e finchè vuole farlo. Nonostante l'asfalto: le brutture, i se, i ma e le distanze nello spazio e nel tempo.
Ad ogni modo sono ancora molto lontana da quel salto nel vuoto. Per ora mi accontento di credere all'idea dell'amore. Perchè bisogna credere in qualcosa e l'amore mi sembra in cima alle cose più belle.

Nessun commento:

Posta un commento